Circa il 60% delle 500 specie di primati non umani è in pericolo di estinzione. 

Lo scopo del gruppo di lavoro API Conservation è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di questi animali e della loro conservazione, analizzando quali minacce incombono sui primati non umani e quali siano i progetti direttamente coinvolti nel contrastarle, sia in-situ che ex-situ

Tramite la creazione di una mappa interattiva con allegate le schede specie-specifiche, affronteremo e svilupperemo diversi aspetti inerenti la vita di questi animali e l’impatto che le diverse minacce di natura antropica hanno su di esse, mantenendo sempre uno sguardo alla sopravvivenza delle comunità umane strettamente legate al diretto sfruttamento delle risorse naturali.

Propone inoltre una serie di interviste a diversi esperti, internazionali e non, che lavorano in ambito primatologico o nella conservazione dell’ambiente.

Infine affronta tematiche di base etnografica nel tentativo di capire come le varie popolazioni umane si rapportino alle specie di primati non umani, e come le diverse concezioni che l’uomo ha delle altre specie possa aver portato all’estinzione di alcune ed alla salvaguardia di altre.

Sei interessato al tema della conservazione dei primati? Vuoi segnalarci un progetto? Vuoi collaborare con il nostro gruppo di lavoro? Scrivici all’indirizzo: api.conservation@gmail.com

Membri del gruppo:

Valeria Torti (coordinatore): valeria.torti@unito.it

Luca Sineo (vice-coordinatore)

Martina Brescini

Flavia Grenga

Giovanni Di Panfilo

Simone Pollo

Luca, Giovanni, Martina, Flavia, Simone e Valeria
(senso orario da sinistra)